È chiamato Bosco Giardino il giardino botanico intitolato a Federico Delpino, famoso botanico di Chiavari, che si trova all’interno del Parco dell’Aveto in località passo del Bocco nel comune di Mezzanego. Nel giardino piccole aiuole riproducono gli habitat tipici dell'Appennino Ligure ospitano le diverse coperture boschive che caratterizzano il nostro entroterra. L’obiettivo del giardino botanico è quello di proporre un’esperienza naturalistica che mostri ai visitatori gli elementi botanici del territorio, ma anche gli aspetti fitogeografici ed ecologici del Parco, mettendo in evidenza le relazioni tra le specie, le comunità vegetali e i diversi fattori ambientali. Il Bosco Giardino, che sorge nelle vicinanze del Rifugio del Parco "Antonio Devoto" si presenta con una piacevole passeggiata nel verde, grazie al fondo naturale stabilizzato che lo rende adatto anche a persone con disabilità motorie, alle persone anziane e alle famiglie con bambini. Il tracciato è percorribile senza particolari difficoltà, data la lieve pendenza (da 0 a 5%) e la lunghezza ridotta: il percorso infatti è di circa 400 metri tra andata e ritorno, con la possibilità per i diversamente abili di effettuare solo l’andata.

In ragione della sua vocazione divulgativa il Bosco Giardino è attrezzato con leggii che illustrano le peculiarità della fauna e della flora dei diversi ambienti e offre uno spazio pensato quale “aula” didattica all'aperto. È dotato inoltre di un'area di sosta e picnic.
Per raggiungere il Giardino in auto, partendo dall’uscita del casello autostradale di Lavagna, occorre proseguire in direzione Carasco; da lì quindi seguire per SP 586 della Val d'Aveto e, una volta giunti a Mezzanego, seguire le indicazioni per il Passo del Bocco (SP 26 BIS) e le targhe stradali del Parco. Il Giardino dispone di un parcheggio all'entrata.  

Informazioni:

Indirizzo web:  http://www.parcoaveto.it

Riferimenti per informazioni:  Parco dell’Aveto tel. 0185/340311


     

Situata nei comuni di Borzonasca e Mezzanego, sulle pendici settentrionali del Monte Zatta, è considerata una delle più belle faggete della Liguria.
La foresta è popolata da meravigliosi esemplari di faggio; purtroppo l'esemplare più antico e imponente, il Faggio 40, è caduto la scorsa primavera nel corso di una violenta bufera di vento ed è oggi visibile al suolo in tutta la sua grandiosità.
Interessanti sono le copiose fioriture della faggeta e il fenomeno della deformazione "a bandiera" dei faggi di crinale soggetti all'azione dei venti da sud che, facendo seccare le gemme esposte in tale direzione, costringono l'albero a sviluppare la chioma dalla parte opposta.
Nella foresta si possono individuare diversi manufatti delle antiche attività montanare, quali aie carbonili (spiazzi dove veniva prodotto il carbone di legna) e neviere, grandi fosse nella quali veniva raccolta e conservata la neve, venduta poi in Riviera nella stagione calda come ghiaccio.

 

Informazioni:

Longitudine (x):  9.46108

Latitudine (y):  44.4017

Indirizzo web:  http://www.parcoaveto.it 

Email:    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Riferimenti per informazioni:  Parco dell’Aveto tel. 0185/340311

torna all'inizio del contenuto